Personaggi storici

 

Sant'Angela Merici

Molti sono stati i personaggi illustri legati alla città di Desenzano del Garda, scrittori, musicisti, politici e generali.

Sant’Angela Merici (Desenzano del Garda, 1474 – Brescia, 1540), religiosa e fondatrice dell’ordine delle Orsoline

Angelo Anelli (Desenzano del Garda, 1761 – Pavia, 1820), librettista e scrittore.

Giuseppe Bonatti. I Bonatti erano una famiglia di organari di Desenzano del Garda; è testimoniata anche la forma “Bonati”, ma è da ritenere esatta la grafia “Bonatti” essendo attestata dai documenti battesimali e dalle scritte originali apposte sugli organi.
Il capostipite, Giuseppe, nacque da Angelo e da Giulia a Desenzano il 20 marzo 1668. Padre Martini lo ricorda, oltre che come organaro, quale “celebre suonatore di cornetto”; la notizia non ha finora trovato conferma. Il primo lavoro di cui si abbia memoria è il completamento dell’organo della parrocchiale di Denno (in Val di Non, Trento), iniziato da Carlo Prati nel 1699 e rimasto interrotto per la sua morte sopraggiunta il 22 febbraio 1700. Il fatto che sia stato Giuseppe a esser chiamato per il lavoro ha fatto supporre al Lunelli, non senza fondamento, che Giuseppe sia stato allievo del Prati; l’ipotesi troverebbe conferma nel fatto che egli fu chiamato poco dopo (dicembre del 1701) a restaurare il famoso organo della chiesa di S. Maria Maggiore a Trento. (Fonte Enciclopedia Treccani)

Gino Benedetti. Nacque a Desenzano il 25 gennaio 1904. È stato infatti poeta, scrittore, gior­na­li­sta, cri­tico d’arte e pro­mo­tore di cul­tura finis­simo e sensibile, che ha lasciato in eredità cen­ti­naia di scritti e di com­po­si­zioni, di saggi e di recen­sioni. Un lavoro con­ti­nuo che ha accom­pa­gnato tutta la sua vita fino alla morte, avve­nuta nel 1989.

Achille Papa (Desenzano del Garda, 1863 – Bainsizza, 1917). Generale (Desenzano del Garda 1863 – altopiano della Bansizza 1917). Nella prima guerra mondiale, come colonnello al comando di un reggimento di fanteria, quindi, promosso maggior generale, alla testa della brigata Liguria e infine (1917) della 44a divisione, si distinse nella difesa di importanti capisaldi (Monte Zovetto; Pasubio) e nella conquista di punti nevralgici (quota Madoni sull’altopiano della Bansizza). Medaglia d’oro al V. M. alla memoria. (Fonte Enciclopedia Treccani)

Ulisse Papa. Nacque a Desenzano il 18 novembre 1844. Su suggerimento dell’on. Zanardelli si dedicò a studi legali. A soli 22 anni partecipò alla campagna garibaldina del 1866. Praticò con successo l’avvocatura e si dedicò alla vita politica nazionale partecipando con competenza e professionalità ai lavoro parlamentari. Dal 1884 si distinse nella lotta contro la pellagra divenendo presidente della Commissione appositamente nominata. Fu membro della Commissione generale del bilancio, relatore dei bilanci dell’Agricoltura e di Grazia e Giustizia, membro del Consiglio superiore dell’Agricoltura. Nel 1889 fu relatore di una legge per il miglioramento dei porti e degli scali lacuali di cui si avvantaggiò Desenzano.

Si adoperò per la costruzione del raccordo ferroviario tra la stazione della linea Milano-Brescia-Verona con il porto di Desenzano. La sua intraprendenza politica lo portò ad allontanarsi dal partito zanardelliano per avvicinarsi agli schieramenti giolittiani prima e crispini dopo. Dal 1899 al 1904, quando il suo avversario politico principale era l’on. Da Como, si allontanò progressivamente dalla vita politica nazionale. Non cessò mai, però, di interessarsi dei problemi e della storia delle sue terre d’origine. Scrisse infatti di economia, arte e storia locale. Morì quasi povero e molto stimato il primo luglio 1913. A lui è stata dedicata la piazza sul porto di Desenzano. (Fonte Archivi del Garda)

Luigi Bazoli. Nato a Desenzano del Garda il 23 gennaio 1866 e deceduto a Desenzano del Garda il 24 maggio 1937. Laurea in Giurisprudenza, dopo essere stato praticante nello studio di Giuseppe Tovini (fondatore di giornali, scuole e del Banco Ambrosiano, e poi proclamato beato), fu tra i fondatori del Partito popolare, di cui fu anche deputato.

Giovanni Rambotti, studioso a cui si deve la scoperta dell’insediamento preistorico della cultura di Polada (2000 a.C.), a cui è intitolato il museo archeologico della città.

Tommaso Dal Molin (Altissimo, 1902 – Lago di Garda, 1930), aviatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *