Museo Civico Archeologico “Giovanni Rambotti”

A pochi passi dal lago, in quello che fu il chiostro di S. Maria de Senioribus, è ubicato il Museo archeologico. Esso è intitolato a Giovanni Rambotti, studioso a cui si deve la scoperta dell’insediamento preistorico della cultura di Polada (2000 a.C.). Osservando i reperti gelosamente custoditi in teche di vetro, si deduce che i primi insediamenti umani della regione benacense risalgono ad un’epoca compresa tra l’etmesolitica (8000 a.C.) e quella del bronzo (II millennio a.C.).

A quest’ultima età appartiene il reperto più importante lì conservato, il “gioiello” dell’intera esposizione archeologica: l’aratro in legno più antico del mondo, risalente al 2000 circa a.C., estratto in buono stato nella zona del Lavagnone (a sud di Desenzano), grazie all’ambiente privo di ossigeno, caratteristico delle torbiere, in cui fu rinvenuto.

Il Museo di Desenzano per la sua collocazione geografica in un territorio molto ricco di testimonianze dell‘età del Bronzo provenienti dagli abitati palafitticoli, ha la funzione precipua di offrire un ampio panorama delle culture preistoriche succedutesi nella regione benacense. L’eccezionalità della zona, forse la più importante d’Europa per quanto concerne le aree umide di interesse archeologico, deriva principalmente dalle caratteristiche dei depositi antropici sommersi a qualche distanza dalla linea di riva del lago o stratificati nelle torbiere dei bacini inframorenici, che grazie alle loro condizioni anaerobiche, consentono di preservare i manufatti in materiale organico e l’aratro del Lavagnone ne è l’esempio più clamoroso.

Viale Tommaso dal Molin, 7, 25015 Desenzano del Garda – Italy
+ 39 030 914 4529
www.onde.net/desenzano/citta/museo/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *